Come vestirsi per escursione di trekkingIl trekking è uno sport che sa regalare grandi emozioni, in cui al relax di una passeggiata all’aria aperta si unisce il piacere della scoperta di posti unici e meravigliosi. Per godersi al meglio un’escursione, però, bisogna partire preparati. Uno degli elementi più importanti (forse il più importante) a cui prestare attenzione è l’abbigliamento. Scegliere i capi giusti da portare con sé è fondamentale per ottenere il massimo dalla vostra esperienza di trekking. Naturalmente, cosa indosseremo dipenderà principalmente dalle condizioni atmosferiche, da dove si andrà a camminare (se in montagna o in percorsi con altitudine minore) e dal periodo dell’anno. C’è però una regola generale che rimane sempre valida: vestirsi a cipolla. Avere qualche capo in più da portare comodamente nello zaino e da tirare fuori all’occorrenza vi sarà incredibilmente d’aiuto per non morire di freddo (o di caldo) e soprattutto per non trovarvi impreparati in caso di cambiamenti improvvisi del tempo.

Vediamo allora insieme i capi che non possono mancare e come sceglierli:

  1. La giacca non può mai mancare nell’outfit di ogni trekker, anche d’estate. In montagna, infatti, non è difficile venire sorpresi da violenti acquazzoni o da cali di temperatura altrettanto inaspettati. Una giacca, quindi, deve essere innanzitutto impermeabile, ma anche comoda da indossare, senza intralciare i movimenti. Un’ottima scelta possono essere le giacche in Goretex: si tratta di un materiale impermeabile, ma allo stesso tempo traspirante. Viene utilizzato da moltissime aziende specializzate (come ad esempio nelle linee di abbigliamento Columbia) ed è adatto a pressoché tutte le condizioni.
    Oltre il materiale, ci sono altre caratteristiche a cui fare attenzione: una giacca adatta al trekking deve avere un cappuccio con zip (per chiusure rapide in caso di pioggia indesiderata) e delle tasche (possibilmente due grandi per portare oggetti mediamente voluminosi, ma è bene non esagerare, averne troppe può essere controproducente e scomodo). Inoltre, sceglietela di una taglia che vi stia un po’ larga, perché vi capiterà spesso di indossarla sopra altri indumenti.
  2. Quali pantaloni utilizzare? I jeans sono categoricamente esclusi: scomodi e praticamente inutili durante un’escursione. Anche le tute andrebbero evitate, perché poco adatte. Decisamente meglio, invece, optare per pantaloni (o pantaloncini) da trekking, che siano in materiale termico e impermeabile. Anche d’estate però è sempre bene avere nello zaino un paio di pantaloni lunghi, in linea con il motto “meglio prevenire che curare”.
  3. Le scarpe sono un altro elemento fondamentale. Durante le escursioni, vi troverete a procedere su sentieri accidentati e comunque poco agevoli. Avere le scarpe giuste vi aiuterà non solo a sentirvi più a vostro agio, ma anche ad evitare infortuni e ad affaticarvi di meno. Le caratteristiche che una scarpa da trekking deve avere sono fondamentalmente quattro: comfort, traspirabilità, impermeabilità e leggerezza. Le normali scarpe da ginnastica, per quanto blasonate, non saranno mai abbastanza impermeabili e comode per i percorsi che andrete ad affrontare. Scegliete calzature in materiale tecnico. Le scarpe da montagna soprattutto devono essere resistenti, e avere le suole adatte per garantire il massimo della presa anche sulle superfici più accidentate e scivolose. Importante è che abbiano un collo alto, in modo da proteggere la caviglia non solo da traumi, ma anche da eventuali torsioni.
  4. Lo zaino è altrettanto importante. Dopotutto, lo porterete per tutto il tempo, ed è lì che riporrete i capi di abbigliamento in più e gli oggetti di cui potrete aver bisogno. Gli zaini pensati per il trekking sono leggeri, e aiutano a mantenere la postura giusta. Inoltre, sono comodi da portare grazie al sistema di cinghie.

Insomma, seguendo questi consigli avrete tutto quello che vi serve per affrontare in maniera comoda la vostra escursione in outdoor. Non vi resta che divertirvi e prepararvi all’avventura!