Trama, trailer e recensione di A Star is born, un film toccante e sincero che segna l’esordio alla regia del mitico Bradley Cooper, che dirige se stesso e un’inedita Lady Gaga in una storia vibrante e coinvolgente che va ben oltre il semplice remake. Dall’11 ottobre al cinema  distribuito da Warner Bros. Italia

A star is born recensioneDopo il grande riscontro come attore, il bravissimo e affascinante Bradley Cooper, decide di prendere posto dietro la macchina da presa firmando la regia della sua opera prima: A Star is born, terzo remake dell’omonimo film del 1937. Una commedia musicale romantica e commovente che ci trasporta nella vita di Jackson Maine (Bradley Cooper), un famoso musicista in una fase calante della sua fulgida carriera. Dopo un concerto Jackson capita in un locale dove rimane letteralmente incantato dalla voce di Ally (Lady Gaga), giovane cameriera con la passione per il canto, che si sta esibendo in una serata Drag queen. Tra i due si accende subito un incredibile feeling che li porta a raccontarsi in una notte in giro tra bar, supermercati e canzoni improvvisate da Ally, in cui Jackson vede un brillante talento tanto da invitarla a cantare in un suo concerto per farla scoprire al suo pubblico. Tra i due inizia così uno splendido sodalizio artistico e amoroso, su cui incombe però lo spettro dell’alcolismo di lui, che insieme all’ascesa di lei nel campo musicale segneranno una profonda incrinatura nel loro rapporto.

Il risultato è un film davvero sorprendente, in grado di catturare lo spettatore e trascinarlo al centro della storia con i due protagonisti. Fargli vivere le loro emozioni, le loro paure, la loro immensa passione per la musica e l’infinita voglia di trasmettere il loro talento comunicando qualcosa. Perché come ripete lo stesso Jackson Maine per tutto il film “Tanta gente ha talento, la differenza la fa se hai qualcosa da dire“. E qui a fare la differenza rispetto ai remake che hanno preceduto A Star is born di Bradley Cooper, sono proprio la sua interpretazione e quella di Lady Gaga. Che hanno voluto mettersi a nudo per rendere la classica parabola della carriera di un artista qualcosa di speciale e autentico, mettendone in evidenza il lato umano, spesso sacrificato in nome del successo.

Insomma una prova davvero convincente per Bradley Cooper, vero deus ex machina di tutto il film: lo ha scritto, diretto, interpretato, prodotto, oltre ad aver scritto e cantato molte delle canzoni che compongono la splendida colonna sonora. Acquisendo così una tale padronanza della storia che gli ha permesso di dare vita ad una pellicola fluida in cui ogni scena, ogni fotogramma, ogni minimo gesto sono estremamente funzionali alla narrazione, in un continuo crescendo di emozioni. Straconvince anche Lady Gaga (fidatevi perché ve lo dice una che non l’ha mai apprezzata), che con una eccezionale performance ha dimostrato che dietro le eccessive maschere pop con cui probabilmente cela fragilità e insicurezze, c’è una grande artista con uno straordinario talento e una voce incredibile. Un film assolutamente da non perdere, al cinema dall’11 Ottobre con Warner Bros. Italia.