Vacanze romane: 10 curiosità sul Colosseo

Il Colosseo è il simbolo di Roma, e, se stai organizzando una vacanza nella città eterna, o anche solo un breve weekend, finirai proprio qui, sotto il grande anfiteatro romano, una delle 7 meraviglie del mondo, stracolmo di leggende, venerato e sinceramente anche un po’ trattato male visto il suo stato di salute.

10 cose che non sai del Colosseo

Anche se famoso però sono sicura che qualche cosa della sua storia ti sfugge. Bene prima di trovarti ad ammirarlo forse è meglio studiarlo e stai sicuro che lo apprezzerai ancora di più che per i film visti.

Ecco allora 10 cose che non sai sul Colosseo…o che potresti non sapere.

1- Dimensioni da leggenda

A guardarlo ci sembra già enorme oggi, immaginarsi come poteva apparire ai tempi dell’antica Roma quando le costruzioni della città erano quasi tutte ad un piano e non esistevano palazzi. Il Colosseo è lungo ben 189 metri, largo 156 e alto 48. Poteva ospitare fino a 50.000 spettatori. Un vero gioiello dell’architettura.

2- Costruzione a velocità supersonica

Nell’antica Roma a quanto pare non esistevano intoppi burocratici e lunghe procedure per i lavori pubblici, perché, nonostante le dimensioni e gli scarsi mezzi ci sono voluti circa 5 anni per costruirlo. Precisamente il lavori sono iniziati nel 75 e si sono conclusi nell’80 d.C.

3- Il mistero del nome

Il nome originale di questo monumento è Anfiteatro Flavio…e allora perché Colosseo? Sembra che il secondo nome sia arrivato nel Medioevo quando vicino ad esso fu costruita una enorme statua di Nerone, il “colosso” di Nerone. Questa però  è solo una interpretazione, ne esistono molte altre: una ad esempio parla del culto pagano del diavolo e Colosseo starebbe per “Colis Eum?” cioè “Adori Lui?”

10 cose che non sai del Colosseo

4- Dal Colosseo sono nati molti altri edifici

Sembra quasi un sacrilegio comunque dal marmo della facciata del Colosseo sono stati utilizzati nella costruzione di edifici tra i quali Palazzo Barberini e la Basilica di San Pietro.

5- Un monumento all’horror

Più che di storia sembra parlare di un film horror se si pensa che il Colosseo ai suoi tempi non godesse di una stupenda fama. C’era chi lo definiva una delle sette porte dell’inferno, molti sono i cadaveri seppelliti al suo interno, insomma molto è il sangue che è scorso tra le sue mura e questo non ha aiutato la sua reputazione.

6- Studiato dai botanici

Vi chiederete cosa possa entrarci un anfiteatro in marmo con la botanica… bene, sappiate che negli anni, tra le rovine del Colosseo si sono sviluppate numerose specie di piante, anzi diciamo precisamente che i botanici ne hanno riconosciute 350. Da qui l’interesse degli studiosi per questo ambiente e la sua flora.

10 cose che non sai del Colosseo
L’interno del Colosseo

7- Fu una “piscina”

Non parlo di una piscina pubblica, ma al suo interno venivano organizzati spettacoli “acquatici”. Un sistema particolare ed impressionante di pozzi e tubature permetteva di riempire l’interno di acqua per rappresentare battaglie navali.

8- Aveva una enorme tenda per coprire dal sole

Purtroppo tutta una parte della costruzione originale non ci è arrivata. Infatti in parte il Colosseo era in legno e, perle giornate assolate, era prevista la possibilità di coprire il pubblico con enormi tende composte da 80 vele triangolari.

10 cose che non sai del Colosseo

9- Set di tanti film tranne del più conosciuto

Tra le sue mura sono state girate le scene di numerosi film, ma non di quello tra i più conosciuto dai giovani: Il Gladiatore. Il regista Ridley Scott a causa di vari intoppi burocratici ha dovuto utilizzare in parte l’anfiteatro di El Jem in Tunisia, e per un’altra parte ricostruirne uno a Malta, ma la maggior parte delle scene prevedono comunque una ricostruzione dell’edificio al computer.

10- Il restauro incriminato

Da anni si parla del restauro di questo monumento di importanza unica. E finalmente dopo 3 anni i ponteggi sono stati eliminati. Eppure sono in molti a criticare i lavori superficiali e non perfetti…e considerando i milioni di euro scuciti il nervosismo cresce!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *