Un Natale in forma con Jill Cooper

Un caffè con... Jill Cooper
Un caffè con… Jill Cooper

Incontriamo Jill Cooper in un pomeriggio che precede le feste natalizie. In una Roma dall’aria leggera e frizzantina, colorata dalle classiche lucine natalizie ad intermittenza. Prendiamo il nostro caffè e iniziamo più che un’intervista una chiacchierata tra amiche. Lei è una donna sicura: zero trucchi, pelle luminosa, capelli biondissimi e liscissimi, un corpo definito e in sintonia con quello che è diventata lavorando con impegno su se stessa, e non solo sul piano fisico. Ci svela che non è sempre stata così, che ha passato un periodo difficile dopo il divorzio, che coincideva con i tempi in cui lavorava nel team degli insegnanti di “Saranno famosi”, la trasmissione di Maria De Filippi.

Una donna forte, dalle idee chiare, si definisce “speranzosa” (e non ottimista) nel domani. Ci parla del suo ultimo impegno lavorativo, un nuovo format che sta registrando in Albania proprio in queste ultime settimane. Un programma che andrà in onda su Agon Channel (canale 33 del digitale terrestre).

Dal momento che le feste natalizie sono dietro l’angolo le chiediamo subito un consiglio pratico:

Jill come restare in forma dinnanzi a pranzi interminabili e altrettanti cenoni?

“Il mio consiglio è di vivere questi giorni e mangiare. Se guardiamo gli atleti, come Federica Pellegrini, tengono la loro dieta a stecchetto sei giorni alla settimana, il settimo giorno è libero. Il fisico ragiona in senso di carestia-ricchezza, bianco-nero. Se stiamo sempre a dieta, abbassiamo il nostro metabolismo, produciamo il cortisolo, che è l’ormone dello stress e della paura. Chi è solito stare sempre a dieta tende ad ingrassare di più. Invece se, due volte a settimana mangiamo quello che più ci piace e si fa attenzione all’alimentazione il resto della settimana, sarà più facile mantenersi in forma. Il nostro fisico non penserà che stiamo vivendo un momento di carestia.

Nello specifico, il periodo natalizio diventa pericoloso nei giorni intermedi, nel mangiare gli avanzi, i dolciumi, il torrone, cioccolatini, frutta secca, eccetera. Perciò mangiate nei giorni di festa per vivere appieno quei momenti. Mangiate il 24, il 25 e anche il 26 Dicembre. Mangiate anche il 31 e l’1 Gennaio. Dopo le festività saremo noi stessi, sarà il nostro fisico a non voler eccedere ulteriormente. Inoltre, consiglio sempre, se ti devi sfogare mangiando, sfogati bene! Non comprate ad esempio il panettone dal discount, ma quello prodotto artigianalmente, fate un investimento. Compra IL panettone, compra IL pandoro. “

Secondo te quest’idea della bellezza legata alla magrezza è un’idea più femminile o anche gli uomini ne risentono?

“Ne risentono sia gli uomini che le donne. Resta un po’ di più un problema femminile, anche se, ultimamente l’anoressia al maschile è in forte crescita.”

Ai tuoi occhi, come sta l’Italia e il nostro “Made in Italy”?

“L’Italia sta cambiando. Io non mi considero una vip ma sono una persona riconoscibile per strada, sono una donna che non si è mai fermata e che si è fatta da sola. Ricordo anni fa quando ero nel team di “Saranno Famosi” (attualmente “Amici”), quando parlavo ai ragazzi chiedevo: “cosa vorrai fare dopo?”. Molti mi rispondevano, “Dipende da cosa mi proporranno…”. Io penso che bisogna crearsi il futuro da sé. Il made in Italy va cercato prima di tutto in questo: nell’“io creo”, con il talento innato che avete, ad esempio in fatto di stile. Gli italiani possono svegliarsi di notte, al buio pesto e vestire comunque alla moda, coordinare bene i colori.

L’Italia si salverà quando tutti si metteranno in gioco. Il mio consiglio è di smettere di chiedere “cosa mi dai?” e di iniziare a dare. Non bisogna avere paura e vivere a testa bassa. Io la paura la conosco, sono stata per anni una madre single. So bene cosa significa lottare.”

Con l’anno nuovo si stilano sempre buoni propositi, come iscriversi in palestra, mantenersi in forma, tu cosa consigli?

“Io ragiono sempre a ritroso: consiglio di non avere propositi. Il futuro non esiste e nemmeno il passato, esiste il presente. Quindi dopo un pranzo impegnativo, metti un paio di scarpe e cammina per venti minuti. Cammina, fallo. Vorrei aggiungere, inoltre, di non usare queste feste come una scusa per farsi del male. Spesso la gente si punisce con il cibo. Ci sono anche i relativi sensi di colpa inutili, troppo spesso si lega la propria autostima al cibo. Quest’ultimo è solo il nostro carburante, è energia, è il nutrimento.”

Nella tua attività da personal trainer, qual’è la primissima “lezione” che cerchi di imprimere?

“Sei unico. Sei perfetto come sei, già da ora. Io posso farti allenare quattro ore al giorno, ma se non ti ami ti farai comunque del male da solo. In tutti i miei libri lo ribadisco. Ciascuno deve stare al suo massimo, non seguire i soliti canoni imposti dalla società; è sbagliato cercare di somigliare ad altri. Inutile voler essere tutte con la stessa fisicità di Audrey Hepburn.”

Ci parleresti della tua linea di abbigliamento?

“Si chiama Love Style, si tratta di prodotti scelti da me dove metto il mio nome, la mia faccia, la mia credibilità.”

…c’è un sito dove possono essere comperati?

“Sì, www.coalsport.com

Come passerei le feste 2014 ormai alle porte?

“Con la mia famiglia. Tra pochi giorni arriverà mia figlia da Londra. Lavorerò fino al 22/23 Dicembre assiduamente. Dopo passeremo qualche giorno in Spagna tutti insieme. E poi, ricomincerò a lavorare.”.

Domanda di rito: come prendi il caffè?

“Amaro, ma solo per assaporare meglio il gusto del caffè non per una questione di linea!”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *