Travel therapy: Parigi in amore o in amicizia?

parigi-travel-therapy-federica-brunini

Buongiorno persi nel vortice della nostra routine quotidiana siamo già arrivati nella seconda parte dell’estate e magari siete ancora alla ricerca della meta giusta dove trascorrere qualche giorno di meritato riposo. Una meta che vi ristori e in qualche modo curi quel malessere di fondo che negli ultimi tempi vi ha consumato le ultime energie rimaste.

E allora non c’è miglior cura di un bel viaggio, come racconto anche nel mio libroTravel Therapy: il viaggio giusto al momento giusto, primo di una serie di guide per orientarsi nel mondo e scegliere gli itinerari che fanno bene al cuore e allo spirito. Motivazione con la quale sono nati anche i due tour operatorgoingozo.comelaelamalta.com che insieme all’imprenditore Manolo Mantovani ho fondato a Gozo, nell’arcipelago maltese. Ma torniamo a noi!

“Diagnosi”

Oggi voglio consigliarvi una meta “sciogli incertezze d’amore”. Nel senso che magari siete una di quelle persone che da tempo ha un bel rapporto “d’amicizia” con una persona con cui ha sempre fatto tutto e con cui si trova davvero a suo agio. Una persona che vi siete accorti essere ormai diventata un vero punto di riferimento nella vostra vita con cui condividete proprio tutto: gioie, dolori, successi, fallimenti, segreti, malumori… insomma proprio tutto.

travel-therapy-parigi-in-amore-o-amicizia

E adesso un tarlo comincia ad insinuarsi dentro la vostra mente e il vostro cuore: potrebbe essere l’uomo/la donna della vostra vita? Non c’è niente di meglio per capirlo che fare la valigia e partire qualche giorno insieme, senza le distrazioni della routine quotidiana e concentrarsi solo sul vostro rapporto.

Dove andare e perché

Sicuramente conoscerete i suoi gusti come le vostre tasche e non dovreste avere grossi problemi ad organizzare il viaggio ad hoc, sia che si tratti di un long week end che di qualcosa di più… e a buon intenditor poche parole! Ma se temete di non riuscire a scegliere la meta più adatta per verificare se la vostra compatibilità è tale da poter andare oltre una semplice amicizia affidatevi ai miei consigli.

E in questo caso credo che Parigi sia il top! La città dell’amore per antonomasia, che sprizza romanticismo da tutti gli angoli e che sola può accendere le passioni latenti e rendere arrembanti anche gli uomini e le donne più timidi.

La-Tour-Eiffel-parigi-travel-therapy2

Quindi come dice un famoso adagio “se sono rose fioriranno”… e se no non vi mancheranno certo le cose con cui consolarvi! Dalle bollicine di champagne in cui affogare la delusione, i piatti gourmet per eliminare quel retrogusto amaro che vi è rimasto in bocca, lo shopping che come suggeriscono in molti può essere davvero consolatorio e poi mostre d’arte, monumenti, splendidi quartieri, giardini. Quindi sia che sia stata l’altra persona a rifiutarvi sia che siate stati voi a capire che non è il lui o la lei dei vostri sogni, avrete a disposizione una delle più belle città del mondo per riconsolarvi!

Cosa vedere

Cosa vedere a Parigi? Forse farei prima a dirvi cosa non vedere! Scherzi a parte cominciamo col dire che nel 2010 è stata inserita nella lista delle tre città più importanti ed influenti del mondo e tra le prime dieci in cui si vive meglio. Pensate che con oltre 45 milioni di turisti che la visitano ogni anno è il luogo più visitato del pianeta.

Adagiata su un’ansa della Senna, ha da sempre ispirato e influenzato il corso della politica, della cultura, della moda e del lifestyle di tutto il mondo occidentale. Quindi lasciatevi contagiare ed ispirare anche voi, visto che oltretutto viene definita dai turisti di tutto il mondo la “più romantica città del globo”.

E cosa c’è di più romantico di un bel giro in bicicletta tra le innumerevoli bellezze parigine? Vi assicuro che questo è il modo di viverla al meglio! Quindi approfittate di Velib (www.velib.paris.fr), le bici messe a disposizione dalla municipalità di Parigi e fatevi una pedalata in Place de la Concorde e lungo gli Champs Elysees, per poi attraversare la Senna e parcheggiare all’ombra della Tour Eiffel, sdraiandovi sull’erba e perdere lo sguardo nell’azzurro del cielo. Mi raccomando, non dimenticando di portare con voi un bel cestino da pic-nic, perché l’amore ha strane vie, che talvolta passano anche per la pancia delle persone!

Parigi-in-bicicletta-travel-therapy

Concedetevi un bel giro in battello sulla Senna e perdetevi letteralmente nelle splendide viuzze di Montmartre, il quartiere degli artisti, per poi riscoprirvi insieme magari nella tela di uno dei tanti pittori di strada che affollano la sua piazza principale.

Place du Tertre (Montmatre)
Place du Tertre (Montmatre)

E a proposito di artisti, non dimenticare di visitare uno dei musei più romantici e suggestivi di Parigi: il Museo d’Orsay particolarmente celebre per la presenza di numerosi quadri di impressionisti e per la location in cui è allestito, una vecchia stazione ferroviaria. Dopo la visita, potete concedervi una bella passeggiata fino alla chiesa di Saint Germain-des-près, attraversando le eleganti stradine del quartiere, passando per la rue de l’université o per il boulevard St. Germain dove potreste cedere alla tentazione di un gustoso spuntino nelle sue famose brasserie.

Museo d'Orsay
Museo d’Orsay

Un altro quartiere molto affascinante è Marais, un’area un tempo paludosa, trasformata in seguito in un quartiere elegante oggi molto alla moda, dove si trovano anche molte pasticcerie e fast-food con specialità ebraiche, ideale anche per una sosta culinaria, magari a base di un buon falafel.

Marais
Marais

E la sera quando il sole scende all’orizzonte per gustarvi la visione di Parigi nella luce del magica tramonto raggiungete con la funicolare (compresa nella Paris Visite) l’imponente e candida chiesa del Sacro Cuore, dove oltre a visitare la chiesa, potrete ammirare il più bel panorama al di sopra dei tetti di Parigi.

Sacro Cuore
Sacro Cuore

Cosa mettere in valigia

Intanto dire il meno possibile, così avrete la scusa per darvi allo shopping più sfrenato! Scherzi a parte, direi senza ombra di dubbio delle scarpe comode soprattutto per il giorno, perché Parigi è bella da vivere a piedi, in bici o al massimo in metropolitana. Portate qualcosa di chic per la sera, uno spolverino sempre a disposizione nella stagione autunnale/primaverile.

valigia-parigi-travel-therapy

Un ombrello da borsetta, perché non si sa mai. Uno zainetto per andare in giro di giorno, così da trasportarlo comodamente anche in bicicletta. E assolutamente lasciate a casa quel pigiama con gli orsacchiotti, piuttosto puntate su qualcosa di più sexy per quando girerete per la vostra garçonnière in deshabillé.

Dove mangiare e cosa mangiare

La cucina francese è considerata una delle migliori del mondo anche se non tutti gli italiani riescono ad apprezzarla, soprattutto per il fatto che non ci sono i nostri amati “primi piatti” a base di pasta e riso, infatti qui spesso vengono serviti come contorni. Ma se riuscite ad andare oltre troverete che la carne è molto buona e anche dolci e formaggi non scherzano affatto. Senza dimenticare le loro famosissime crepes!

bistrot-e-ristoranti-Parigi

Per il resto ci sono una quantità infinita di ristoranti, con cucina non solo francese, quindi è impossibile non riuscire a trovare qualcosa in grado di accontentare anche i palati più esigenti. Piuttosto è riuscire a mangiare bene senza spendere troppo la vera mission impossible, o quanto meno ardua! A questo proposito fate attenzione, perché purtroppo la qualità non è onnipresente, soprattutto se i prezzi sono particolarmente bassi.

Comunque se non cercate cose troppo chic e da gourment, al Quartiere Latino, il quartiere universitario che si trova alle spalle della Sorbona (l’università di Parigi), riuscirete a mangiare bene e a prezzi abbordabili.

Quartiere Latino
Quartiere Latino

Invece nel caso in cui aveste voglia di provare l’atmosfera e il gusto del classico bistrot parigino, magari per una seratina particolare, ecco un paio di indirizzi che non vi deluderanno:

  • Bistrot Belhara in 23 Rue Duvier, nella zona Tour Eiffel/Invalides, vicino a Rue Cler e l’Esplanade des Invalides, nel settimo arrondissement, potrete gustare i manicaretti dello chef Thierry Dufroux, che ha avuto modo di imparare il mestiere accanto ai migliori chef di Francia. Qui il prezzo medio a persona può variare tra le 30 e le 70 € a persona.
  • Le Car’aimant bistrot in 243, Rue du Faubourg Saint-Antoine, spicca tra le numerosissime birrerie dell’undicesimo arrondissement. Qui si usa fare tutto in casa: dalle verdure dell’orto al pane come lo faceva la nonna. Buona anche la selezione dei vini. Ed ha anche un ottimo rapporto qualità prezzo con ad esempio un abbondantissimo piatto per due persone di salumi italiani e spagnoli da 13 a 15 €.

Mentre se volete un indirizzo per le crepes sia salate che dolci andate da Josselin 67 rue du Montparnasse, anche qui i prezzi per essere a Parigi sono relativamente contenuti: per un menù completo di sidro, galette e crepe si spendono all’incirca 20 €.

Shopping

Ed eccoci giunti ad un altro argomento topico per una vacanza a Parigi: cosa comprare e soprattutto dove. Anche qui avrete solo l’imbarazzo della scelta. Cominciamo col dire che se non lo avete mai fatto, il giro di shopping alla Galleria Lafayette, uno dei centri commerciali migliori per fare compere.

Galeries Lafayette
Galeries Lafayette

Ma se cercate qualcosa di più particolare e caratteristico passeggiando sul lungo-Senna, troverete dei negozietti dei bouquinistes, i venditori ambulanti di libri e oggetti d’arte, soprattutto in stile Art Nouveau: stampe, cartoline, volumi e riviste d’epoca, perfetto per un souvenir ricordo di Parigi.

Bouquinistes lungo Senna di Notre Dame
Bouquinistes lungo Senna di Notre Dame

Oppure, se volete qualcosa di più artistico e magari personalizzato, fatevi fare un quadro con uno degli scorci della città dai pittori di strada di Montmartre oppure un vostro ritratto fatto all’istante. Oppure andate sul souvenir gastronomico, rigorosamente da Fauchon, e buttatevi sul vino francese, formaggi, composte, fois gras…. I banchi frigo dei supermercati pullulano letteralmente di tutte le specialità regionali.

Fauchon
Fauchon

L’esperienza assolutamente da fare

Invece che prendere una stanza d’albergo provate ad affittare una simpatica garçonnière (appartamentino) magari proprio nel suggestivo quartiere del Marais. Così potrete provare l’emozione di condividere una sorta di nido nella capitale del romanticismo, provare a vivere per qualche giorno da autentici parigini.

appartamentino-a-parigi

Comprando baquette, roquefort, vin blanc o champagne, mentre tornate a casa dopo una giornata outdoor. In questo modo potrete sperimentare meglio la vostra compatibilità e soprattutto se si tratta d’amore o solo di una splendida amicizia. Info su www.abitareparigi.it e www.homeholidays.com.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *