Shut in: alcune scene e recensione del thriller psicologico con Naomi Watts

La candidata all’Oscar Naomi Watts e il Charlie Heaton della serie televisiva Stranger things sono i protagonisti del nuovo film ad alta tensione di Farren Blackburn: Shut in. Trama, trailer, recensione e alcune scene dal film.

shut in-recensioneShut In, è il nuovo thriller psicologico del regista Farren Blackburn, nato dal soggetto originale della sceneggiatrice Christina Hodson, che ha “romanzato” una sua esperienza personale. Le suggestioni provocatele da alcuni strani rumori avvertiti durante la notte nel suo monolocale di New York.

Protagonista della vicenda è la psicologa infantile Mary Portman (Naomi Watts), che dopo un incidente stradale in cui ha perso il marito e ha ridotto in stato vegetativo il figliastro Stephen (Charlie Heaton), è costretta a ricevere in casa i suoi pazienti per accudire costantemente il ragazzo.

La situazione non è facile e peggiora quando uno dei suoi piccoli pazienti, Tom (Jacob Tremblay, rivelazione di “Room”), scompare improvvisamente mentre si trova a casa sua per una seduta. Mary che aveva preso particolarmente a cuore il caso di Tom, dal giorno della scomparsa inizia ad essere tormentata da incubi, paranoie, visioni e fatti inquietanti.

Un crescendo di tensione ulteriormente acuita dalla neve che la getta nel terrore di rimanere isolata a combattere contro chissà che cosa: presenze demoniache, un complotto sapientemente architettato per portarla allo sfinimento oppure semplice paranoia?

Tanti piccoli indizi lasciati cadere durante lo svolgimento della vicenda, che faranno salire l’adrenalina dello spettatore accompagnandolo al colpo di scena finale.

Gli amanti del genere non faranno fatica a riconoscere riferimenti illustri quali Shining, Le verità nascoste e il cinema di John Carpenter. I picchi adrenalinici non mancano, anche grazie alla musica che fa da sfondo alla narrazione che, forse causa della tendenza minimalista del regista, risulta poco approfondita nel tentativo di sorprendere lo spettatore mixando più di un genere cinematografico: thriller, horror, dramma.

Assolutamente buona l’interpretazione da parte di tutto il cast.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *