Samantha Cristoforetti: un’italiana tra stelle, “tutone bianche” e sogni realizzati

samantha-cristoforetti
Samantha Cristoforetti, foto tratta dal suo profilo Twitter.

Samantha Cristoforetti. Un nome che è entrato a far parte delle nostre giornate. Il perché? La causa non va rintracciata soltanto nel cosa fa, sebbene sia speciale e per nulla ordinario. Probabilmente quello che ci affascina prima di ogni dettaglio, è la dose di magia che contiene quello che fa.

Una donna dal viso acqua e sapone, incorniciato da capelli cortissimi a prova di assenza di gravità; capace di parlare di stelle e di cose sconosciute ai più, con lo stesso entusiasmo di chi prepara una semplice e golosa torta al cioccolato. Abbiamo imparato ad ascoltarla, a seguire le sue mani mentre con facilità ci rende partecipi di qualcosa che non capiamo del tutto, ma che rappresenta la pozione di bellezza ideale per farci staccare qualche centimetro da terra.

Leggere il suo #DiariodiBordo su Avamposto 42 , il suo primo post: “Wow wow wow… sto scrivendo dallo spazio! ” con racconti e fotografie, ti stampa sul viso un sorriso, mentre l’immaginazione riempie le pupille di quel nero profondo illuminato da minuscoli puntini di luce: altrimenti detto spazio, universo, quella roba lì, magnificamente magnifica. Dove niente è più ordinario, banale, conosciuto.

Quanti da bambini dinnanzi al classico tema: “Racconta cosa vorresti fare da grande…” non hanno pasticciato su un foglio un sé stesso da grande, dentro un’ improbabile maxi-tuta bianca con un bel casco integrale?

Sapere che qualcuna alla fine ci riesce a fare quello, per davvero, non può che essere una bella lezione nella vita di ciascuno. Un “messaggio” in punta di piedi, come un aeroplanino di carta, che batte sul vetro delle nostre finestre.

Chissà se Samantha sognava proprio questo tra i fogli e  i colori di scuola. Una cosa è poca ma sicura: fa sognare noi, presi dalla vita di tutti i giorni, intenti ad afferrare un litro di latte al supermercato, in macchina, in doppia fila in attesa che il pupo esca da scuola, sedute dal parrucchiere dinnanzi alle solite riviste tutte uguali. Sorridiamo all’idea che un’italiana, una donna, sia lì, tra milioni di puntini di luce, con i suoi libri in miniatura.

Ci rappresenta in molti, così come Luca Parmitano, orgoglio italiano e siciliano. Un sogno che qualcuno realizza: uno sconosciuto che diventa sorprendentemente conosciuto, familiare: pronto a ricordarci che nulla è così impossibile da realizzare. Che non è una trovata da spot pubblicitario, che accade, raramente, ma accade.

È la dose di bellezza giusta che ci rapisce dalla quotidianità e ci fa staccare qualche centimetro da terra, anche mentre aspettiamo il nostro turno per pagare l’ennesima bolletta con un’unica cosa “alle stelle”:  l’importo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *