Primi piatti: Orecchiette salsiccia e funghi porcini

Orecchiette salsiccia e funghi porcini, un primo piatto gustoso e veloce da preparare, che sprigiona tutti i colori e i sapori del sottobosco autunnale!

orecchiette funghi e salsiccia

Questa ricetta grazie ai funghi porcini porta i profumi del sottobosco, tipicamente autunnali, nella tradizione della cucina pugliese, qui perfettamente rappresentata dalle orecchiette.

Difficoltà: Facile

Cottura: 20 minuti

Preparazione: 15 minuti

Ingredienti per 4 persone

  • 400 gr di orecchiette fresche
  • 150 gr di funghi porcini freschi
  • 100 gr di salsiccia
  • 1 cipolla
  • pecorino toscano grattugiato
  • vino bianco secco
  • prezzemolo
  • olio extravergine d’oliva
  • sale e pepe q.b.

Preparazione

  1. Prendere i funghi porcini, pulirli con una pezzetta bagnata per togliere eventuali residui di terra e tagliarli a fettine.
  2. Tritare finemente la cipolla e metterla in una casseruola con poco olio ad imbiondire.
  3. Tritare il prezzemolo finemente.
  4. Unire i funghi e il prezzemolo alla cipolla facendo cuocere a fuoco medio per alcuni minuti, in modo tale che i funghi restino al dente. Una parte del prezzemolo lasciatela da parte per l’impiattamento finale.
  5. Spellare la salsiccia, sbriciolarla e farla cuocere in una padella antiaderente sfumandola a cottura quasi ultimata con il vino bianco.
  6. Versare nella padella con la salsiccia sbriciolata, i funghi e cuocere a fuoco vivo per 2/3 minuti.
  7. Nel frattempo fate bollire dell’acqua salata dove cuocerete al dente le orecchiette, per poi ultimarne la cottura nella padella con i funghi e la salsiccia.
  8. Una volta che le orecchiette sono al dente, scolatele senza gettare l’acqua di cottura e versatele nella padella con gli altri ingredienti.
  9. Saltare nella padella le orecchiette aggiungendo 2 cucchiai di acqua di cottura della pasta.
  10. Mettete il pepe e continuate a saltare le orecchiette.
  11. Una volta pronte mettetele nei piatti con una spolverata di prezzemolo tritato ed abbondante pecorino toscano, e un giro d’olio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *