Moda e cultura sotto il segno di… Iolanda Pomposelli

“Moda e cultura sotto il segno di…”due splendide serate nelle Caffetterie Bernardi di Brindisi e Taranto all’insegna della cultura, delle stelle e del fashion con la scrittrice Iolanda Pomposelli, la creatrice di accessori di moda Maria Cristina Schiavone e l’astrologa Mirella Stazi.

Mirella Stazi, Maria Cristina Schiavone, MariannaDura, Iolanda Pomposelli
Mirella Stazi, Maria Cristina Schiavone, MariannaDura, Iolanda Pomposelli

È proprio vero che ormai la cultura ha definitivamente tagliato i ponti con le rigide convenzioni del passato che la volevano relegata solo in determinati “luoghi di culto”. Infatti ormai si organizzano incontri culturali in luoghi di svago e di aggregazione in cui la cultura si lascia contaminare e affascinare da altre settori come ad esempio la moda.

E questo è ciò che è successo nelle due serate del 12 e 13 Maggio “Moda e cultura sotto il segno di…” organizzate nelle Caffetterie Bernardi di Brindisi e di Taranto dalla Es Events Manager. Serate che hanno visto protagoniste l’autrice Iolanda Pomposelli, che ha presentato il suo accattivante romanzo D’altronde sono uomini, nel corso di una chiacchierata semiseria con la creatrice di accessori moda Maria Cristina Schiavone, organizzatrice e presentatrice dell’evento.

Schiavone-Pomposelli

Il pubblico intervenuto ha così avuto il piacere di assistere a due serate dalle mille sfaccettature in cui ha avuto modo di divertirsi con i reading della piacevolissima Iolanda Pomposelli, riflettere insieme a quest’ultima anche su argomenti importanti quali il rapporto tra malattie e corpo e sul product placement, che con il suo romanzo, è stata la prima in Italia e in Europa ad averlo utilizzato in ambito editoriale, sognare con gli splendidi abiti in maglina dello stilista milanese Erasmo Lacerati, completati dalle Tulle bags e dai bijoux di Es! byCristys e dato uno sguardo alle stelle con l’oroscopo per l’estate 2016 dell’astrologa Mirella Stazi.

Un momento della sfilata
Un momento della sfilata

A conclusione di una serata in cui amore, eleganza e futuro sono stati gli indubbi protagonisti, non si poteva non strizzare un occhio al matrimonio con al sfilata della Sposa del Terzo Millennio, che stringeva tra le mani un bouquet gioiello in alluminio rosa, decorato con perle in resina e ceramica, ideale per colei che non ama i fiori recisi e desidera conservarlo per sempre. La perfetta soluzione per chi ama la modernità ma non vuole rinunciare alla tradizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *