L’Allieva: recensione del famoso romanzo di Alessia Gazzola

Dopo il successo anche della serie tv tratta da L’Allieva, fortunato romanzo di Alessia Gazzola, per chi non avesse ancora avuto il piacere di leggerlo vi proponiamo la recensione della nostra super lettrice Francesca Prete.

alessia-gazzola-e-alice allieva recensioneAvete presente quando per una sfortunata congiuntura di elementi casuali vi ritrovate a leggere con estrema fatica una serie di libri noiosissimi? Poi arriva lui, un romanzo che finalmente riesce a coinvolgervi e che finite nel giro di pochissimo. Potrete allora capire la ventata d’aria fresca che è stato per me L’allieva di Alessia Gazzola. Il risveglio dal soporifero stallo della lettrice. Perché io sono una di quelle che, una volta iniziato un romanzo, difficilmente lo abbandona. Scatta una sorta di accanimento che nega con vigore la famosa regola di Pennac: il diritto ad abbandonare un libro che non ci piace. Ma torniamo alla nostra allieva. Divorato letteralmente e seguito dalla ricerca di tutti i possibili stralci presenti in rete della trasposizione televisiva con Alessandra Mastronardi e Lino Guanciale.

Alice Allevi è l’allieva, giovane laureata da poco affacciata nel mondo della medicina legale. Dall’animo semplice e un po’ con la testa tra le nuvole, si trova a lavorare su un caso. Fin qui niente di speciale o quanto meno niente di diverso rispetto a quello che prevede quotidianamente il suo ruolo.

Ma questa volta è diverso.

Alice conosce la vittima, anche se solo attraverso un breve scambio di parole. Il corpo inanimato riverso a terra fino a qualche ore prima l’aveva colpita per lo scintillio degli occhi, per l’eleganza delle movenze, per il bracciale tintinnante al polso. Fa quasi fatica ad accettare che siano la stessa persona.

Così da subito sente l’esigenza di approfondire una situazione all’apparenza semplice, decidendo di rischiare in prima persona e mettendo in discussione i dati di fatto.

Le regole imparate e applicate fino a quel momento vengono dimenticate in un istante e straordinari intuizioni diventano protagoniste del ragionamento logico.

Ma la storia non è solo questo. Voglio dire, non è solo un giallo, almeno non è il classico giallo che ci può venire in mente. Non incontrerete nessun investigatore belga dalle ineccepibili maniere o simpatiche vecchine dall’arguzia disarmante.

Conoscerete anche un altro lato di Alice, quello più privato, intimo e romantico. Perché -dovete sapere- il suo cuore batte per due uomini. Claudio, il suo collega sciupafemmine, e Arthur, il giornalista giramondo figlio del suo capo.

Insomma, ci sono tutti gli ingredienti -noir e rosa- per far sì che questo romanzo catturi gli spiriti più sfaccettati. Sullo sfondo della città eterna, tra gaffe, risate e amare considerazioni, verrete catapultati in un mondo molto reale e poco conosciuto, costellato dall’ipocrita borghesia e da qualche episodio che vi farà battere il cuore. Senza mai rinunciare al simpatico candore della sorprendente allieva.

Titolo: “L’Allieva”

Autore: Alessia Gazzola

Pagine: 376

Editore: Longanesi

Prezzo di copertina: € 14,90 (€ 12,67 su Amazon)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

What City Do You See?