Gioielli vintage e antichi: come abbinarli per essere al top

Gioielli vintage o antichi, in particolare quelli di una certa importanza, negli ultimi anni sono tornati di grande tendenza, soprattutto perché se ben abbinati, non solo ci valorizzano ma mettono in risalto la nostra personalità. Ecco allora qualche utile consiglio per fare abbinamenti azzeccati ed essere sempre al top.

gioielli-vintage-antichi-1

I gioielli del passato, recuperati dal portagioie della nonna, acquistati ai mercatini del vintage o conquistati con fatica ad una importante asta di antichità, come quelle del dipartimento di Gioielli, Orologi e Argenti di Minerva Auctions, possono essere di grande attualità. Come dimostra il fatto che, in questi ultimi anni, sono tornati di gran moda, tanto che li vediamo spesso sfilare sulle più importanti passerelle di tutto il mondo indossati dalle modelle in abbinamento a capi e accessori delle collezioni contemporanee di grandi stilisti.

Non a caso tra i gioielli vintage ed antichi più ricercati ci sono quelli delle grandi griffe della gioielleria come Buccellati o Bulgari, in quanto è proprio la creatività della tradizione orafa italiana a spiccare in tutto il mondo attirando l’attenzione anche di appassionati di gioielli al di fuori del Bel Paese.

Ma vediamo in particolare quali sono i pezzi più ambiti e il modo migliore di abbinarli per poter valorizzare al massimo i nostri outfit.

Anelli dal passato

Gli anelli del passato sono in genere dei modelli sottili realizzati in oro giallo oppure in platino, impreziositi con pietre di grandi dimensioni e caratura, come smeraldi o rubini, molto spesso circondati da diamanti. Essendo quindi anelli di una certa importanza e vistosità, si consiglia di indossarli senza altri anelli per non distogliere da loro l’attenzione e ancora più importante, evitare l’effetto “madonna”.

Gioielli vintage: Anello decò in oro rosa
Anello decò in oro rosa

Collane e orecchini per illuminare il volto

Parlando di collane, sia che si tratti di un’elegante girocollo di perle o di un importante collier in oro con pietre preziose, anche qui l’abbinamento con l’outfit giusto è fondamentale. Ad esempio, è vero che le perle sono preziose e vanno esaltate nel modo più elegante possibile, ma questo non vuol dire indossarle esclusivamente con un abito formale, infatti se abbinate nel modo corretto possono trasformare anche un look casual, tipo jeans e camicetta, in un outfit raffinato: l’importante è che la camicetta abbia un bello scollo e che i capelli siano raccolti in un elegante chignon.

Le collane lunghe e sottili, invece sono perfette in ogni occasione, mentre i collier più vistosi, possono essere usati per far risaltare look dallo stile lineare come il classico tubino nero o un abito dalle linee semplici e pulite con scollo a cuore.

Collana perle con chiusura antica
Collana perle con chiusura antica

Per quanto riguarda gli orecchini, anche in passato si usavano sia quelli a lobo che i lunghi pendenti. I primi si abbinano abbastanza semplicemente, sono in genere adatti ad ogni contesto. Mentre i secondi per essere notati devono essere indossati con capelli ben raccolti e preferibilmente con abiti o maglie che lasciano le spalle scoperte, in modo particolare se sono molto lunghi.

Gioielli da polso: bracciali e orologi

Di grande interesse per gli amanti della gioielleria vintage e antica sono anche i bracciali. La storia ne ha prodotti infiniti modelli: dalle semplici catenine in oro con piccoli pendenti ad imponenti bracciali a fascia.

I modelli più sottili non hanno particolari problemi d’abbinamento, mentre quelli vistosi e di grandi dimensioni, vanno lasciati risplendere soli al polso, sfoggiandoli con capi smanicati o a mezza manica. Se volete dare un tocco particolare, alcuni bracciali del XVIII secolo si arricchivano di micromosaici in ogni elemento, come il modello della foto, realizzato in oro giallo.

Bracciale antico
Bracciale antico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *