Download: recensione del nuovo romanzo di Roberto Teofani

Un gioco clandestino, che catapulta i malcapitati in una sorta di caccia all’uomo, amore e giochi di potere nel nuovo avvincente romanzo di Roberto Teofani: Download (Edizioni Efesto). Trama e recensione.

download recensione-roberto-teofani-efestoBisogna credere al destino come si crede ad un dio. Così comincia Download, il nuovo romanzo di Roberto Teofani edito da Edizioni Efesto. Un inizio che sembra quasi un graffito sul muro, una sorta di monito per un’umanità sempre più priva di credo e valori, disposta a tutto (o quasi) per il “dio denaro”.

In questo scenario si incastra perfettamente, Download, un pericoloso gioco clandestino che poco alla volta si palesa nel racconto. La vicenda prende il via sul vagone della metropolitana con lo scoccare di una divampante passione tra due dei protagonisti, Sara e Alex, che incontratisi qui per caso vivranno una storia d’amore (sempre che di questo si tratti e non di un gioco) lunga tre intensissimi giorni (e notti). Giusto il tempo di provare a conoscersi, andare oltre il divampare dell’incendio iniziale e capire se anche questo è un gioco o pura emozione. Ma intanto anche il lettore prova a conoscerli attraverso un percorso fatto di ricordi, fantasmi di un passato forse non del tutto sopito e nel caso di Sara dell’insostenibile rapporto con i genitori e soprattutto con la madre. È proprio lei che due anni prima l’ha incastrata nella terribile rete di Download, la cui prima spietata regola è: se uno esce dal gioco un altro deve entrare… prima di sparire nel nulla.

E forse Alex è solo un’altra inconsapevole pedina di questo crudele gioco, da cui alla fine nessuno sembra uscire indenne. Questo è proprio ciò che si chiede anche Sofia, madre di Sara, quando li vede insieme. Perché lei, meglio di chiunque altro, sa che tirare dentro Alex è l’unica via di uscita per Sara. E oltretutto lui sembra proprio interessato a partecipare a questa continua gara di sopravvivenza.

Gara di cui riusciamo a risalire quasi alle origini, grazie ad altri personaggi fondamentali all’economia della narrazione: il professor Bariuvski e il gestore di Download per la città di Roma, il famoso writer Game. Due eterni antagonisti che si ritrovano, facendo assumere alla storia un respiro più ampio coinvolgendo nel suo vortice l’intera città e i suoi “padroni”. Questo perché il vero piano di Game, è quello di utilizzare Download per riportare un po’ di legalità e speranza a questa città, imponendo così la sua giustizia, fatta sempre e comunque di forza e violenza.

In soli tre giorni tanti nodi vengono al pettine, per Sara e Alex, Sofia e Bariuvski, e per Game e la sua personalità disturbata, perché i cinque sono legati dal destino, che gioca con loro rimescolando passato e presente, e garantendo il futuro di Download, perché il gioco non si può fermare mai: “Loro sono gli Angeli, ma non farti ingannare dal nome perché sanno essere quanto di più sporco l’universo e il suo manovratore abbiano mai immaginato. Vedi Download (…) è anche controllo. Una regola base è la certezza: non possono fallire, non si può sbagliare, il gioco deve sempre funzionare, qualsiasi cosa succeda sono vietati intoppi, anomalie, errori“. Insomma una giostra da cui il prezzo per scendere, è immolare un’altra vita in nome del gioco.

Un libro intenso, metafora di questi tempi tristemente segnati da crisi economiche in cui i meno abbienti cercano rifugio in infidi videopoker o casinò online, che promettono vincite facili. Un racconto da leggere tutto d’un fiato e da assaporare lentamente e nel profondo.

Titolo: “Download”

Autore: Roberto Teofani

Pagine: 152

Editore: Edizioni Efesto

Prezzo di copertina: € 12,50

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

What City Do You See?