Come vestirsi per un colloquio di lavoro: consigli per non sbagliare

tailleur-look

Siete stati convocati per un colloquio di lavoro? Bene, messo a punto in vostro curriculum vitae e lettera di presentazione va pensato il proprio look per non cadere sulla buccia di banana, sempre in agguato.

Sì perché in questi casi più che mai l’abito fa il monaco, eccome! Detto in altri termini: ciò che indosserete farà parte della comunicazione, quella non verbale.

Per la candidatura a lavori formali è il caso di scomodare il classico tailleur, e il classico vestito per gli uomini. Non si scappa. Se i classici non sono proprio il vostro forte cercate di arricchire il look con gli accessori: senza esagerare, non dovranno essere troppo vistosi.

Per le donne oltre al tailleur sì a gonne a matita, camicie dal taglio classico o più bon ton con colletto a fiocco. Immancabili le decolletes. Il tacco non dovrà essere vertiginoso. Avrete un passo più sicuro e non creerete troppo rumore tra i corridoi.

Nei periodi invernali evitate i piumini, per quanto comodi e caldi danno subito l’idea di un look casual. Meglio scegliere cappotti dai tagli classici, sia per le donne sia per gli uomini.

Infine per quanto riguarda il trucco suggerito è nude; è concesso un filo di eyeliner, rossetto mat o perlato dalle tonalità non troppo accese. Niente gloss e glitter appariscenti.

Per lavori di tipo creativo e negli ambienti informali indossare abiti classici non è la scelta migliore. Per donne e uomini. Potreste apparire esageratamente rigorosi, privi di fantasia e rigidi. L’opposto di quanto è richiesto in alcuni ambienti lavorativi. Optate perciò per vestiti dai tagli retti o morbidi, le fantasie possono essere differenti. Tra quelle da evitare: quelle animalier, tessuti laminati, glitter o applicazioni troppo vistose. Creativi sì ma senza conciarsi!

Il jeans può andare, purché non sia strappato o eccessivamente ricco di dettagli come ricami, toppe, strass.

look-ufficio

Sí ad accessori, anche importanti, serviranno a svelare qualcosa della vostra personalità. Il make up consigliato è dalle tonalità pastello, è ammesso un rossetto più vivace ma sempre mat o leggermente lucido. Ancora una volta niente tacchi eccessivi per le ragioni di cui sopra.

In entrambi i casi, sia per un colloquio di lavoro per una posizione più tradizionale o più creativa si consiglia di abbinare borse comode, capienti ma senza portarsi il mondo dietro. Sì a linee compatte per un effetto minimal e non “disordinato“.

Ultimo consiglio per le donne e anche per gli uomini. Non presentate il vostro CV e lettera di presentazione in poveri fogli di carta stropicciati e con le orecchie agli angoli. Sminuirete l’importanza di quanto avete scelto di mettere nero su bianco per quanto riguarda il vostro profilo. Non fatevi mancare un discreto portadocumenti. L’effetto sarà assai diverso, dettagli che fanno la differenza.

Il resto sta a voi, nella vostra capacità di saper comunicare in poco tempo chi siete.

In bocca al lupo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *