Cibi afrodisiaci: 12 ingredienti alleati dell’amore

Una vita di coppia appagante passa anche dalla tavola! Ecco un piccolo vademecum sui cibi afrodisiaci, i cui effetti sono stati riconosciuti anche dalla moderna ricerca scientifica.

cibi afrodisiaci2

La ricerca di cibi in grado di aumentare la potenza sessuale e di rompere le inibizioni, affonda le sue origini addirittura nella mitologia greca, con Afrodite dea dell’amore e della bellezza, che provocava nei mortali e nelle divinità l’innamoramento ed il concepimento di una nuova vita, da qui la nascita del termine afrodisiaco.

Questa affannosa ricerca di cibi afrodisiaci ha accomunato culture e popolazioni diverse in tutto il mondo portando alla luce proprietà particolari di un’ampia varietà di alimenti, ma dimostrando anche che non ne esiste uno miracoloso, in grado di garantire le stesse performance di una certa pillolina blu arcinota in tutto il mondo.

Allora facciamo insieme un piccolo excursus tra quegli alimenti che per i loro effetti sono stati considerati “cibi afrodisiaci” anche dalla moderna ricerca scientifica.

PEPERONCINO E PEPE NERO. Consumare peperoncino favorisce il rilascio da parte del cervello di endorfine, sostanze che comunicano al corpo il senso di benessere; il peperoncino inoltre, come anche il pepe, ha proprietà vasodilatatorie e quindi può contribuire all’aumento dell’efficienza sessuale.

CIOCCOLATO. E’ considerato l’afrodisiaco per eccellenza, anche grazie alla combinazione di alcune sostanze in esso contenute: caffeina che è uno stimolante, teobramina, che ha effetti benefici su sistema nervoso e cuore e feniletilamina, che migliora l’umore ed è la sostanza che si sviluppa nel corpo quando si è innamorati. Non a caso quando ci si sente depressi si ha voglia di mangiare cioccolato. Comunque il migliore afrodisiaco è il cioccolato fondente nero con almeno il 70% di cacao.

CANNELLA e ZENZERO. Queste 2 spezie sono considerate dalla medicina ayurvedica un rimedio contro l’impotenza, in particolare lo zenzero, grazie alle sue proprietà vasodilatatorie contribuisce a migliorare l’efficienza sessuale.

VANIGLIA. Agli inizi del ‘900 i dottori dell’epoca consigliavano il consumo di vaniglia per superare i problemi legati alla sfera sessuale e uno studio fatto su chi lavorava la vaniglia rivelò l’esistenza di una malattia professionale chiamata “vanillismo” che tra i suoi sintomi aveva un incessante eccitazione sessuale; la vaniglia ha anche proprietà antidepressive, grazie alla presenza di sostanze in grado di apportare benefici al sistema nervoso centrale.

AGLIO e CIPOLLA. Anche se dall’odore non proprio gradevole, aglio e cipolla, sembra che siano i cibi afrodisiaci più popolari del mondo; ritroviamo traccia delle loro proprietà afrodisiache anche negli scritti di Ovidio, che consigliava agli amanti una bella insalata di aglio e cipolle, o ancora nella cucina popolare per la preparazione di bevande o addirittura un vino per rafforzare l’amore, ottenuto lasciando macerare per 10 giorni in 1 litro di vino bianco secco, una testa d’aglio schiacciata.

SEDANO. Esercita un’azione stimolante sulle ghiandole surrenali e contiene ormoni simili ai feromoni, che nell’uomo e in altri animali servono da richiamo olfattivo per la riproduzione.

FRUTTI DI MARE. Ostriche, vongole, cozze, e in generale tutti i molluschi, sono notoriamente afrodisiaci, grazie al forte contenuto di zinco, indispensabile per la buona salute dell’apparato riproduttivo; in particolare è stato provato da un gruppo di ricercatori, che le ostriche sono ricche anche di particolari aminoacidi in grado di stimolare gli ormoni sessuali.

CAVIALE. Ottima fonte di vitamine A, E, D, B12, fosforo, ferro, selenio, magnesio, omega 3 che lo rendono un potente antiossidante e di zinco, essenziale per la formazione di sperma.

PESCE AZZURRO, SALMONE, MERLUZZO. Grazie alla presenza di acidi grassi omega 3, hanno proprietà antiossidanti aiutando l’organismo a rimanere giovane ed efficiente anche dal punto di vista sessuale

TARTUFO. Sia il tartufo bianco che quello nero contengono l’androstendiolo, un ormone presente anche nel sudore maschile, agisce sull’aspetto olfattivo della donna provocando uno stato di benessere generale e di attrazione verso l’altro sesso.

PINOLI. Da sempre considerati altamente afrodisiaci, venivano anche prescritti da Galeno, medico dell’antica Grecia, come rimedio contro l’impotenza; i pinoli sono anche un coadiuvante per l’aumento della fertilità e sembra che se consumati con uva secca o zucchero aumentino le loro proprietà afrodisiache.

cibi afrodisiaci

Questi cibi oltre a godere della fama di avere proprietà afrodisiache, sono anche ricchi di sostanze nutritive, sali minerali e vitamine, fondamentali per il benessere dell’organismo, quindi se consumati regolarmente all’interno di un regime alimentare vario ed equilibrato, anche se non riusciranno nell’intento di movimentare la vostra vita a due, sicuramente renderanno più fantasiosa la vostra cucina! Buon appetito!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *